avanti >

Triestini


CULTURA - ARTE - POLITICA

Domenico Rossetti
38345 / Depositario L. Smolars, Trieste
Domenico Rossetti (recto)
Domenico Rossetti (verso)
Domenico Rossetti
8369 / Depositario L. Smolars, Trieste
Domenico Rossetti (recto)
Domenico Rossetti (verso)

DOMENICO ROSSETTI DE SCANDER (Trieste 19.3.1774 – 29.11.1842)
Insigne letterato triestino / nacque il 19 Marzo 1774 morì il 29 Novembre / 1842 ottenne grado dottorale a Vienna nel 1800. / Ammiratore e descrittore del Petrarca, scrisse / la raccolta nominata "Archeografo Triestino" / nel 1825. Nell'anno 1817 venne istituita la / carica di civico Procuratore alla quale venne / nominato.
La biografia su Wikipedia (de)


Massimiliano dr. d'Angeli
vg 5.1.1900
8368 / Depositario L. Smolars, Trieste
Massimiliano d'Angeli (recto)
Massimiliano d'Angeli (verso)

MASSIMILIANO D'ANGELI (Trieste 20.12.1815 – 19.2.1881)
nato il 20 dicembre 1815 e morto il 19 febbraio 1881, / fù uno dei fondatori e primo presidente della / Società del Progresso nell'anno 1867, venne procla- / mato Podestà di Trieste nel 1869 e coprì tale carica / fino al 1879.


Princesse Mathilde
I12 / Établissements Photographiques de NEURDEIN Frères. - Paris
Princesse Mathilde (recto)
Princesse Mathilde (verso)

MATHILDE BONAPARTE (Trieste 27.5.1820 – Parigi 2.1.1904)
La biografia su Wikipedia (it)


Leopoldo Mauroner
vg 23.2.1901
"E' questo il ritratto di un altro dei Deputati di Trieste; una rielezione come quella dell'on. Hortis; non credo però che altra volta sieno state lanciate cartoline-ritratti e spero quindi di non giungere tardi troppo gabellando loro una novità rancida, per me ____! Me lo auguro salutandoLa distintamente F. L."
Leopoldo Mauroner (recto)
Leopoldo Mauroner (verso)

LEOPOLDO MAURONER
Volontario garibaldino, nel 1866 combatte alla Bezzacca assieme ad altri triestini (tra i quali il Caprin, che rimane ferito). Nel 1870/71, col grado di luogotenente, è ancora con Garibaldi nei Vosgi e nella battaglia di Digione viene ferito e decorato al valore. Nel 1885 è il primo presidente della neonata Società Concordia. Alle elezioni politiche del marzo 1897 viene eletto nella terza "curia" del territorio triestino, battendo il candidato sloveno Ivan Nabergoj. Rieletto deputato nelle elezioni del gennaio 1901.


Filippo Zamboni
Italiani illustri / Serie I. (Editore A. Meozzi, Piazza del Duomo, 28, Firenze)
Filippo Zamboni (recto)
Filippo Zamboni (verso)

FILIPPO ZAMBONI (Trieste 21.10.1826 – Vienna 30.5.1910)
Nato a Trieste, oriundo romano. Fra i primi Crociati volontarj nelle Campagne venete, poi Capitano nel Battaglione Universitario di Roma, fu ferito nel petto a Villa Pamfili nel 1849. Viaggiò molto anche in Asia e in Affrica. Ora egli, altamente stimato, vive a Vienna, dove fu professore nell'Accademia di Commercio.
Fiero e robusto ingegno; poeta, drammaturgo, storico, erudito profondo. Nell'edizione definitiva delle sue opere, in corso di stampa a Firenze, Salvadore Landi, in IX volumi, emergono: la tragedia Bianca della Porta, i poemi drammatici Roma nel Mille, che levò tanto rumore quando fu pubblicato la prima volta dal Le Monnier; Sotto i Flavi, lodatissimo anche dalla critica alemanna, e di cui uscì una traduzione tedesca a Lipsia; gli studj storici e letterarj su Gli Ezzelini, Dante e gli Schiavi, preceduti da Memorie autobiografiche d. A., attraenti e importanti per la storia del risorgimento.
Filippo Zamboni è lo scopritore del famoso bacio nella luna.
La biografia su Wikipedia (it)


Elda Gianelli
Maggio 1902
Italiani e italiane illustri / Serie I. / Cartoline di Filippo Orlando (Firenze A. Meozzi, Editore P. Duomo, 28)
Elda Gianelli (recto)
Elda Gianelli (verso)

ELDA GIANELLI (Trieste 1856 – 1921 alcune fonti indicano come anno di nascita il 1848)
È nata a Trieste, dove visse e vive, e studiando sempre da sè conseguì ricca e svariata coltura letteraria. A quindici anni si fece conoscere come poetessa gentile, e fu notata ne' suoi primi versi la sua abilità di serbar liberi i pensieri dalla servitù delle rime. Dopo, altri versi e novelle e critiche letterarie e scritti di vario genere, le meritavano bel nome fra le elette scrittrici italiane.
È ricca di pensiero e di sentimento, e il suo cuore e la sua vita si riflettono nelle sue poesie, che sono spesso pitture rapide e potenti. "Famiglia, Patria ed Arte (così, non è molto fu scritto di lei), ecco il trifoglio olezzante che Elda Gianelli ha coltivato sempre nel segreto dell'anima sua".
Di lei rammentiamo: Fuscelli, Sonetti, Riflessi, Incontro, Nebbie dorate, Tenue stile, Sonetti a Nella, Due Amori, In Memoria.


Giacomo Venezian
Fratelli Alinari Soc. An. I.D.E.A. Firenze (per il Circolo di cultura fascista "Giacomo Venezian" di Firenze)
Giacomo Venezian (recto)
Giacomo Venezian (verso)

GIACOMO VENEZIAN (Trieste 7.12.1861 – Carso 20.11.1915)
Nato a Trieste il 7 dicembre 1861 / maggiore di fanteria / medaglia d'oro / volontario di guerra / giureconsulto insigne prof. ord. di diritto civile / nella Università di Bologna / infaticabile apostolo della guerra di redenzione / volle a 54 anni di età combattere in prima linea. / Colpito in fronte sul Carso / mentre guidava il suo battaglione all'attacco / cadde il 20 novembre 1915 / per risorgere nella gloria degli eroi.


Italo Svevo
[logo Penguin Books] Modern Classics (photograph © Interfoto / Lebrecht Music & Arts)
Italo Svevo (recto)
Italo Svevo (verso)

ITALO SVEVO (Trieste 19.12.1861 – Motta di Livenza 13.9.1928)
La biografia su Wikipedia (it)


Dr. Gino Dompieri candidato del IV collegio, TRIESTE, Maggio 1907.
 
Gino Dompieri (recto)
Gino Dompieri (verso)

GINO DOMPIERI (Trieste )


Umberto Saba
Edizione 'Roma' - ITALIA n. 448
Umberto Saba (recto)
Umberto Saba (verso)

UMBERTO SABA (Trieste 9.3.1883 – Gorizia 25.8.1957)
La biografia su Wikipedia (it)


Edvard Rusjan
Radomir BOJANIC
Jugomarka - Beograd
Edvard Rusjan (recto)
Edvard Rusjan (verso)

EDVARD RUSJAN (Trieste 6.7.1886 – Belgrado 9.1.1911)
La biografia sul sito "I FRATELLI RUSJAN - Pionieri dell'aviazione"


Fulvio Suvich
circa 192?
Fulvio Suvich (recto)

FULVIO SUVICH

È triestino. Laureato in giurisprudenza; bella tempra di patriota e di combattente. Ardente irredentista, fin da giovanissimo partecipò alla vita politica. Presidente dell'Associazione studentesca Triestina, fu fiamma viva d'entusiasmo nelle battaglie per la conquista dell'Università italiana a Trieste. Direttore dell'Associazione Ginnastica, dette tutto il suo fervore d'organizzatore e di propagandista, all'irredentismo.
Scoppiò la guerra, e Fulvio Suvich riparò nel Regno con la famiglia. Volontario alla fronte insieme col fratello che cadde combattendo nel luglio 1915 sul Podgora, egli partecipò alle azioni della Bainsizza, del Piave e nel settore Pasubio-Vallarsa, ove molto si distinse.
Dopo la vittoria Trieste lo riebbe e fu nel maggio 1919 ch'egli vi fondò insieme ad altri pochi il Comitato antibolscevico di cui fu Presidente. Proclamato deputato per la XXVI Legislatura, partecipò alacremente ai lavori parlamentari, passando dal gruppo nazionalista a quello fascista.
È stato membro della Commissione per le sovvenzioni marittime, per i lavori pubblici, per le Finanze ed il Tesoro. Vice-Presidente della Commissione per le terre liberate e redente, fu chiamato ultimamente dalla Commissione per la riforma dei Codici e fece da relatore sul Nuovo Codice Marittimo.

FULVIO SUVICH (Trieste 23.1.1887 – 5.9.1980)
Sottosegretario alle Finanze dal 1926 al 1928, Suvich è delegato italiano alla Società delle Nazioni. Dal 1932 al 1936 sottosegretario al ministero degli Esteri, quindi ambasciatore a Washington fino all'autunno 1938. In seguito torna a Trieste prima come presidente della RAS e poi come consulente della Casa di trasporti internazionali Parisi.
La biografia su Wikipedia (it)


Guido Brunner
109794
Guido Brunner (recto)
Guido Brunner (verso)

GUIDO BRUNNER (Trieste 19.2.1893 – Monte Fior 8.6.1916)
GUIDO BRUNNER - Nato a Trieste il 19 Febbraio 1893 - Caduto a MONTE FIOR (Altipiano di Asiago) l'8 Giugno 1916.
Studente, irredentista e interventista, appena scoppiata la guerra con l'Austria, passa immediatamente ad arruolarsi nell'esercito italiano, ed il 24 Maggio viene assegnato al Regg. LANCIERI DI FIRENZE; dal quale poi passa al 20. Cav. Roma. Audace figura di soldato, viene decorato subito di medaglia di bronzo, ed in seguito al fatto d'armi del Novembre dello stesso anno sul CARSO, gli è assegnata quella d'argento.. Nella difesa di MONTE FIOR, splendidamente comanda un plotone, e resiste coi suoi per ben dodici ore sulla linea del fuoco, sereno, instancabile, impavido, fino a che, colpito al cuore, cade gridando: QUI SI VINCE O SI MUORE! VIVA L'ITALIA! (Motivazione del Decreto conferenteGLI la MEDAGLIA D'ORO). La sua spoglia non fu più ritrovata.
La FEDERAZIONE FASCISTA ARMATORI di TRIESTE alla Sua memoria intitolò una Borsa, onde i giovanetti allogeni delle terre redente imparino sul Suo nome come amare la patria.


Carlo Stuparich
Museo Storico della Brigata Granatieri / logo E.I.S. (Eliografia Italiana - Schio)
Carlo Stuparich (recto)
Carlo Stuparich (verso)

CARLO STUPARICH (Trieste 3.8.1894 – Monte Cengio 30.5.1916)
La biografia su Wikipedia (it)


Lojze Spacal
"Villaggio carsico"
Lojze Spacal (recto)
Lojze Spacal (verso)

LOJZE SPACAL (Trieste 15.6.1907 – 6.5.2000)
Conosciuto anche con il nome italianizzato di Luigi Spazzal. La biografia su Wikipedia (it)


Silvano Buffa
74 / Studio Tecnico-Editoriale italiano - Roma
Silvano Buffa (recto)
Silvano Buffa (verso)

SILVANO BUFFA (Trieste 15.5.1914 – Mali Spadarit 10.3.1941)
La biografia sul sito dell'A.N.A. Sezione di Trento


Susanna Tamaro
"Anima Mundi"
Susanna Tamaro (recto)
Susanna Tamaro (verso)

SUSANNA TAMARO (Trieste 12.12.1957)
La biografia su Wikipedia (it)


Mario Alberti
 
Mario Alberti (recto)
Mario Alberti (verso)

MARIO ALBERTI (Trieste 7.5.1965)
La biografia su Wikipedia (it). Vedi anche il suo sito personale



(pagina 1 di 4) avanti >