avanti >

Siegelmarken


I più antichi esemplari di sigilli, risalenti alla fine del V millennio a.C. sono stati reperiti in Iran; di poco posteriori quelli provenienti dalla Mesopotamia. Allora, come oggi, lo scopo del sigillo era duplice: convalidare un documento od un atto dandogli validità giuridica, ovvero garantirne la chiusura e la segretezza.
Il termine "sigillo" viene usato ambiguamente per indicare sia l'impronta "positiva" o a rilievo impressa su un materiale malleabile (cera, argilla, carta, piombo), sia lo strumento, con l'immagine in "negativo" o concava, usato per produrla. Per quest'ultimo è quindi più conveniente il termine "tipario" in uso già dal Medioevo.

Una trattazione completa di tutti gli aspetti della sigillografia è contenuta nel testo di Giacomo C. Bascapé "Sigillografia. Il sigillo nella diplomatica, nel diritto, nella storia, nell'arte" liberamente scaricabile dal sito del Ministero dei Beni Culturali.

Fino all'avvento della busta con lembi gommati, le lettere consistevano in uno o più fogli di carta, ripiegati e quindi chiusi con un sigillo. Si deve tener presente che le tariffe allora in vigore erano basate sulla distanza da percorrere e sul numero di fogli spediti: la presenza quindi di un eventuale involucro avrebbe fatto lievitare il costo della spedizione. Solo gli invii costituiti da molti fogli venivano tenuti insieme da una striscia di carta (spedizioni "sotto fascia").
Nella sua forma tradizionale, il sigillo "aderente" veniva impresso col tipario sulla cera, riscaldata e fatta colare sul documento.
Nel XVIII secolo comparvero le "pastiglie", fogliettini di carta e cera che permettevano di risparmiare cera e dare maggiore resistenza al sigillo. Ritagliati grossolanamente in forma quadrata o romboidale, furono prodotti anche in forme più raffinate mediante l'uso di apposite fustelle.
In seguito le pastiglie furono prodotte con ostie di amido di mais o colla di pesce, che venivano inumidite e quindi inserite fra i lembi del foglio da sigillare; col tipario si imprimeva poi il sigillo del mittente.
Questi procedimenti erano comunque abbastanza lunghi e costituivano un aggravio di lavoro specialmente per gli enti pubblici che spedivano grandi quantità di lettere e circolari.
Verso il 1850 comparvero in Sassonia i primi "Siegelmarken", sigilli stampati su foglietti di carta gommata, che potevano venire applicati facilmente sui lembi del documento.
Adottati dapprima dagli enti statali, furono poi usati anche dalle amministrazioni locali, ambasciate e consolati, ospedali, banche, assicurazioni e grandi imprese commerciali. Non mancarono neppure i liberi professionisti, soprattutto avvocati, che ne fecero uso. Oltre che per la chiusura delle corrispondenze, i siegelmarken furono usati anche come veri e propri sigilli su documenti ufficiali.
Largamente diffusi nei territori degli Imperi Centrali, furono di uso comune fino al 1920 circa. Caddero quindi in disuso, per sparire completamente alla fine della II guerra mondiale.

Solitamente rotondi od ovali, con la dimensione maggiore di circa 4 cm, avevano bordi lisci od ondulati; a volte imitavano le irregolarità ed il colore dei sigilli in ceralacca. Il siegelmarke tipico di un ente pubblico si presentava generalmente bianco su uno sfondo monocromo; il nome dell'organizzazione era stampato attorno allo stemma centrale. Molto spesso scritte e stemmi erano impressi in rilievo.

A Trieste, come nel resto dell'Impero, i siegelmarken furono abitualmente usati fino alla fine del 1918. Dopo l'occupazione italiana il loro impiego fu progressivamente abbandonato. Solo il Consolato di Germania continuò ad usarli regolarmente fino alla fine della II guerra mondiale.
 
Nelle pagine che seguono sono riprodotti i siegelmarken della mia collezione, suddivisi nelle seguenti categorie:
– Amministrazione statale
– Amministrazione comunale
– Magistratura
– Enti ed associazioni straniere
– Banche ed assicurazioni
– Altre aziende
– Liberi professionisti.

Le immagini sono riprodotte con la stessa scala, su uno sfondo (generalmente nero) che ha le dimensioni di 48x48 mm.


 
Lettera da Trieste per città
vg 1872 con siegelmarke al verso
Lettera Lloyd Austriaco (recto)
Lettera Lloyd Austriaco (recto)

 
Raccomandata da Trieste a New York
vg 2.8.1929 con impronta di affrancatrice Francotyp A e siegelmarken al verso
Raccomandata BCT (recto)
Raccomandata BCT (verso)

 
Attestato di tirocinio in farmacia rilasciato dal Gremio Farmaceutico
13.1.1914 con siegelmarke usato come sigillo
Gremio Farmaceutico (recto)


 
Cerca nel sito: